21 Giu 2018

L’azienda valtellinese, eccellenza italiana nella produzione di imballaggi di cartone ondulato, sceglie la flessibilità e l’efficienza della caldaia HE Smart di Cannon Bono Energia.

Ghelfi Ondulati dal 1952 realizza e stampa cartone ondulato trasformandolo in imballaggi, espositori e contenitori che proteggono il contenuto comunicandone il valore in modo molto efficace.

Nello stabilimento di Buglio in Monte 140 dipendenti realizzano ogni anno oltre 70 milioni di metri quadrati di cartone destinati al mercato italiano ed europeo.

Competenza, qualità, flessibilità e innovazione continua sono i fattori competitivi distintivi dell’azienda; lo si può intuire già avvicinandosi allo stabilimento, visitandolo se ne ha solo la conferma: ordine, pulizia, razionalizzazione degli spazi, macchinari e tecnologie d’avanguardia, professionalità e tanta passione per il proprio lavoro si traducono in forte attenzione verso il cliente e fattiva collaborazione con i fornitori.

Il cuore della fabbrica è il moderno ondulatore BHS, una linea unica che corruga e accoppia le varie carte, tagliandole a formato, pronte alla successiva stampa, realizzata nello stesso stabilimento.

Cannon Bono Energia for Ghelfi Ondulati

Esigenze aziendali rispetto alla centrale termica

Un ingrediente fondamentale per assicurare qualità e produttività senza sprechi di materiale è il calore, apportato dal vapore in pressione proveniente dalla centrale termica, elemento essenziale dello stabilimento, come afferma Matteo Casti, ingegnere responsabile del reparto produzione ondulati di Ghelfi:

La caldaia è fondamentale, senza di questa non si va! Serve la macchina più importante dello stabilimento, tutta la produzione passa dalla macchina ondulatrice. Oggi seguiamo la filosofia lean, quindi un fermo macchina vuol dire fermo di tutto lo stabilimento in un paio di ore”

L’affidabilità è dunque una caratteristica essenziale per l’operatività dell’azienda che svolge lavorazioni molto energivore, come evidenziato sempre da Casti:

“Sul costo del nostro prodotto l’incidenza dei costi energetici è molto alta, a questo si aggiunge l’incertezza sui prezzi di gas ed elettricità. Tutti i risparmi in questa direzione sono importanti.  Efficienza, cioè riduzione di consumi è fondamentale

La produzione richiede alla centrale un alto carico diurno e un basso carico notturno, di notte infatti si riducono le lavorazioni, e si devono inoltre mantenere alcuni locali tecnici sempre caldi.

Prima dell’intervento di ammodernamento della centrale termica, venivano utilizzati due generatori di vapore: uno che lavorava agli alti carichi e l’altro ai carichi più bassi.

La situazione – afferma Casti –  non era soddisfacente: le esigenze produttive diurne, sempre più gravose, non venivano soddisfatte a pieno dalla caldaia principale, ormai sotto dimensionata.

E la caldaia più piccola, poco affidabile, spesso non era in grado di supportare la produzione notturna causando ritardi nell’esecuzione dei piani di produzione.

In ogni caso era sempre necessario l’intervento di personale specializzato per accendere una caldaia e spegnere l’altra, in concomitanza delle variazioni delle esigenze produttive; ad esempio verso le cinque di mattina era necessario accendere la caldaia principale per permettere l’avvio della produzione due ore dopo.”

Era evidente quanto la centrale termica non fosse adeguata a supportare la produzione di alta qualità e molto flessibile di Ghelfi Ondulati che ha abbracciato a pieno la filosofia “lean” dunque niente sprechi di alcun genere, compresi quelli energetici!

Era necessario un intervento che migliorasse le prestazioni della centrale termica, soddisfacendo le esigenze dell’azienda: affidabilità, efficienza energetica, flessibilità di carichi e semplicità di gestione, in tutta sicurezza.

Generatore di vapore Cannon Bono Energia HE Smart

La soluzione Cannon Bono Energia

Efficienza del generatore

Cannon Bono Energia ha proposto una soluzione che risponde a tutte le esigenze dell’azienda.

Il generatore di vapore HE Smart lavora con una efficienza da primato, del 97,5%, date le condizioni particolari di lavoro tipiche di una cartiera: acqua alimento a temperatura molto alta, fino a 160°C. Infatti l’acqua alimento è costituita da rilevanti percentuali di condensati di ritorno dalle utenze.

Il sistema di recupero calore, sviluppato internamente, consente di mantenere costantemente bassa la temperatura dei fumi al camino (max 85°C) senza rischiare il dannoso fenomeno della condensazione nella canna fumaria o addirittura nella caldaia stessa.  Basse temperature al camino significano sprecare poco calore attraverso i fumi, cioè aver sfruttato al massimo il calore prodotto dalla combustione, ottenendo altissimi rendimenti.Le soluzioni tradizionali caldaia + economizzatore o caldaia + preriscaldatore aria permetterebbero di perseguire un’efficienza massima di 93% e 95% rispettivamente, rilasciando fumi a 160°C circa in un caso e impiegando grandi superfici di scambio termico, e costose tecnologie di combustione per non superare i limiti imposti sulle emissioni di NOx, nell’altro.

L'efficienza al variare del carico in caso di generatore di vapore, generatore di vapore con economizzatore e la soluzione HE Smart di Cannon Bono Energia.

Le ottime prestazioni sono verificabili direttamente: guardando l’indicatore di temperatura dell’acqua alimento e poi spostando lo sguardo al pannello di controllo e gestione Optispark: a una temperatura acqua di 150°C corrisponde una temperatura rilevata al camino di 80°C: il 97,5% del contenuto energetico del combustibile si trasforma in calore dedicato alla produzione del cartone ondulato!

Flessibilità e integrazione con l’impianto produttivo

La caldaia HE SMART di Ghelfi Ondulati è corredata di pacchetti di gestione che realizzano una produzione di vapore molto flessibile in grado di rispondere velocemente alle variazioni di carico richieste dall’impianto, mantenendo un alto livello di efficienza anche ai carichi più bassi.

Riaccensioni, stand by notturno e oculata gestione dei transitori riducono le perdite di calore durante le fermate, riducendo quindi ulteriormente i consumi.

Tutto questo è realizzato considerando la caldaia e l’ondulatore (l’utenza primaria) un sistema unico: “La caldaia parla con il sistema di gestione dell’ondulatore – spiega Casti – senza alcun intervento umano l’impianto di produzione è già caldo alle sette di mattina, la macchina è subito operativa a inizio turno.  A fine produzione si ferma la richiesta del vapore; la caldaia lo comprende, va in stand by caldo e il sistema si predispone per l’avvio automatico nel giorno successivo o nella settimana successiva se si tratta di venerdì, coerentemente con il piano produttivo previsto”

“Lo stand by caldo notturno ci permette di assicurare, con la stessa caldaia, il calore necessario alle produzioni meno energivore notturne”.

Il sistema di automazione e controllo Optispark, realizzato da Cannon Bono Energia sulla specifica esigenza dell’azienda, è il cuore “intelligente” che assicura il costante funzionamento della caldaia nel suo punto di ottimo rispetto a prestazioni richieste e garanzia di alta efficienza.

L’aggiunta del modulo “integrazione” fa in modo che la caldaia si predisponga automaticamente alle variazioni programmate delle richieste delle utenze, gestendo transitori e ripartenze.

Inoltre realizza l’esonero di 72 ore dalla presenza continua del conduttore, aspetto molto apprezzato in azienda: (Casti) “E’ molto utile dal punto di vista operativo, libera una risorsa di alto livello che può essere impegnato in altre attività. Realizzando un controllo manuale solo una volta ogni 3 giorni si riduce l’insorgere di ritardi di avvio macchina legati a imprevisti o a piccole possibili dimenticanze nelle sequenze di esecuzione dei controlli. L’automazione in questo caso aumenta sicurezza e disponibilità dell’impianto.”

Teleassistenza

La caldaia è connessa da remoto al servizio di teleassistenza di Cannon Bono Energia per il monitoraggio continuo dell’efficienza e dello stato della macchina, permettendo una diagnostica rapida di eventuali anomalie. Il sistema di acquisizione dati basato su cloud non interferisce con altri sistemi di trasmissione dati dall’azienda poiché è completamente indipendente dalla rete del cliente.

Oltre ai dati di funzionamento della caldaia (ore di esercizio, pressioni, temperature, livelli, emissioni ed efficienza) vengono rilevati dati relativi al funzionamento di pompe, ventilatore e bruciatore e ai relativi loop di controllo.

Il sistema Optispark, attraverso l’elaborazione di una serie di algoritmi, fornisce la diagnosi della caldaia: ne verifica lo stato di salute prevedendo eventuali anomalie o variazioni di prestazione, sollevando l’utente dal rilevare, registrare e interpretare le informazioni mostrate dalla strumentazione.

L'offerta Cannon Bono Energia, in ottica 4.0.

Il generatore di vapore HE Smart è dunque particolarmente adatto ad alimentare produzioni energivore, caratterizzate da ritorni di condense ad alte temperature e variazioni di carico rilevanti in condizioni di “lean manufacturing”; queste sono infatti le principali motivazioni che hanno spinto Ghelfi Ondulati a rinnovare la sua fiducia verso Cannon Bono Energia: “L’assistenza e lo spirito collaborativo dimostrato dal fornitore hanno costituito uno degli elementi discriminanti nella scelta della nuova soluzione per la nostra centrale termica; come è stata altresì determinante la garanzia – effettivamente rilevata – del raggiungimento, senza condensazione, del 97,5% di efficienza realizzata in presenza di acqua alimento a 150°-160 °C; questo aspetto costituisce sicuramente l’unicità della proposta del generatore di vapore HE Smart di Cannon Bono Energia”.

Il servizio post vendita e il dipartimento Ricerca e Sviluppo di Cannon Bono Energia continueranno a vigilare sulla centrale termica valtellinese per mantenere e migliorare il livello delle prestazioni a supporto di una produzione d’eccellenza in ambito cartario.

Ghelfi Ondulati - Buglio in Monte (SO)